Categorie
Uncategorized

Prodotti di stagione autunnali

L’autunno è una stagione ricca di frutti, da settembre a novembre la terra regala il raccolto che è stato accudito durante i mesi estivi. Il mese di ottobre regala frutta e verdura di stagione che vogliamo raccontarvi in questo articolo. Oltre a questi prodotti ce ne sono molti altri, come le melanzane, le zucchine, i cavolfiori e la frutta secca, prodotti tipici del nostro paese che caratterizzano spesso i piatti della cucina italiana.

La zucca

La zucca è uno degli ortaggi più caratteristici di questa bellissima stagione, amato da grandi e piccini, molto versatile in preparazioni dolci e salate, dalle più semplici fino alle più complesse. In cucina viene utilizzata per realizzare molti primi piatti, tra cui i tortelli di zucca, tipici del mantovano, ma di larga diffusione anche a Parma, e sfiziosi risotti. Oltre a essere usata nella panificazione nell’impasto del magnifico pane di zucca, è utilizzata anche come farcitura per la pizza. Ottima anche come piatto principale, come contorno, al forno o fritta, ma anche nelle preparazioni di dolci, abbinata soprattutto a cioccolato e amaretti.

I funghi

I funghi sono altrettanto tipici di questo periodo, non solo ottimi da mangiare, ma carichi di tradizione e piccoli rituali. La ricerca di questo prezioso frutto della terra è una vera e propria arte, che viene insegnata ai più giovani dai fungaioli più esperti. L’attesa delle piogge e della stagione autunnale per poi recarsi nei boschi in collina, ciascuno nel suo posto personale che tiene celato con gelosia.
Sono ottimi sia gustati singolarmente, come i funghi porcini fritti o crudi a carpaccio, sia come condimenti dei primi piatti e dei secondi di carne. Sempre a crudo, possono essere utilizzati per arricchire col loro sapore un’insalata mista. Immancabile un buon risotto ai funghi o un buon piatto di pappardelle fatte in casa. Ne esistono moltissime varietà, non tutte commestibili, e ci sono diverse modalità per conservarli, tra cui quella sott’olio.

Il radicchio

Il radicchio, ricco di vitamine e sali minerali, è anch’esso diffuso in autunno, ottimo nei risotti e anche come verdura cruda in pinzimonio. Tipico soprattutto del trevigiano, ma diffuso ormai anche in tutta la pianura padana, ha un sapore amarognolo e spesso viene utilizzato per insaporire carni e piatti di pesce. È un ottimo antiossidante, aiuta la digestione e favorisce la coagulazione del sangue.

Il tartufo

Uno dei sapori autunnali più classici e inconfondibili è certamente il tartufo, un fungo che cresce sotto terra, diffuso in molte regioni del nord e centro Italia, tra cui anche l’Emilia e in particolare nel nostro Appennino. È un prodotto raro, soprattutto nelle specie più pregiate, molto ricercato in cucina. Grazie alle sue molteplici varietà può essere utilizzato come accompagnamento sia per i primi piatti, sia per i secondi. Le preparazioni più frequenti sono i risotti, i tagliolini, in accompagnamento alla carne cruda o sulle uova al tegamino.

I cachi

Il cachi è una pianta da frutto importata dall’Asia orientale, il cui frutto è ricco di vitamine e sali minerali. Tra le proprietà nutrizionali si sottolinea che conferisce energia e vitalità, essendo anche molto ricco di zuccheri.
All’esterno si presenta di colore rosso o giallo, con una pelle morbida, mentre all’interno la polpa è molto succosa. Queste caratteristiche non permettono di mangiare il frutto tagliandolo a spicchi, ma “scavando” il guscio con un cucchiaio. È un frutto molto dolce, utilizzato per preparare crostate e marmellate.

Le castagne

Le castagne sono un altro frutto caratteristico del mese di ottobre, molto nutrienti e spesso utilizzate come ingredienti per torte e dolci di vario genere. Inoltre sono spesso utilizzate come ripieno o contorno per carni arrosto o brasate.
Nella nostra zona, specialmente durante le fiere e i mercati, sono diffuse le caldarroste, castagne cotte lentamente sul fuoco dentro un’apposita padella bucherellata, che attirano i passanti per il loro inconfondibile profumo.

La frutta: uva, mele e frutta secca

Tra la frutta di questa ricchissima stagione ci sono le mele e l’uva. La mela è un frutto a basso contenuto calorico, contiene vitamine e sali minerali ed è una buona fonte di fibre. Le mele sono di diverse varietà e vengono utilizzate per preparare marmellate e dolci sfiziosi, tra cui lo Strudel, dolce tipico trentino. L’uva è un frutto ricco di zuccheri e calorie, è un alleato del sistema cardiovascolare e ha un potere depurativo. Viene utilizzata come frutta da tavola, ma anche per preparare macedonie e marmellate. Viene talvolta accostata, con abbinamenti fantasiosi, a secondi piatti di pesce e di carne. Inoltre questo frutto prezioso viene vendemmiato per la produzione vinicola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *